MENU

lunedì 17 settembre 2012

Nidi di pasta integrale con pesto agrumato e ricciola

"Mangiare con le mani e un usanza assai diffusa in molte parti del mondo,come parti dell'Asia,Africa e il Medio Oriente.
Oggi invece tanti chef di alta cucina chiedono ai loro ospiti di sporcarsi le mani, convinti che migliori il rapporto sensoriale con il cibo. Il galateo, a dire il vero, è importante in molte tradizioni in cui si mangia con le mani. Spesso la prima cosa è lavarsi le mani. Tra le comunità musulmane, subito dopo viene una preghiera di ringraziamento. Solo allora si può allungare la mano - di solito la destra - e cominciare a mangiare. Mangiare con le mani non è facile: in alcune zone, è educato usare il pollice, l' indice e il medio e lasciare che soltanto le prime due falangi delle dita tocchino il cibo. I dettagli d i f f e r i s c o n o , ma spesso per portare il cibo alla bocca si usa del riso o della focaccia - basti pensare al naan indiano, alla injera etiopica o alla pita mediorientale. Nell' Africa centrale e meridionale si pestano radici o granturco che vengono trasformate in una poltiglia amidacea come il fufu o l' ugali; se ne stacca una piccola porzione e la si usa come cucchiaio. Lo scrittore Amitav Ghosh non frequenta i ristoranti indiani di Londra o New York perché mangiare con le mani non è benvisto. «Considerano questo aspetto fondamentale della cucina con imbarazzo». Negli Stati Uniti gran parte dei ristoranti di medio livello, fatta eccezione per quelli etiopici, non proibiscono questa usanza ma nemmeno l' incor a g g i a n o . N e i r i s t o r a n t i newyorchesi Fatty Crab e Fatty Cue, lo chef Zachary Pelaccio fornisce ai clienti le posate d' argento, ma spera che la natura dei suoi piatti tipici, come il granchio al peperoncino e salsa barbecue, inducano gli ospiti a utilizzare le mani. Convinto che il senso del tatto faccia parte del mangiar bene, Pelaccio mangia quasi tutto, eccetto la minestra, con le mani. Ha persino intitolato il suo nuovo libro di cucina, che sarà pubblicato in aprile, Eat With Your Hands. «Oggi mangio con le mani e non soltanto perché sarebbe un peccato lasciare che le posate mi ostacolino. È diventata una specie di mia filosofia, una metafora della vita», scrive. La scorsa primavera, a Los Angeles, Bistronomics ha presentato un menù che non prevedeva l' uso delle posate. Il prezzo fisso a 65 dollari, creato dagli chef Jet Tila e Alex Ageneau, includeva crocchette di merluzzo accompagnate da purea di zucchine e bocconcini di agnello alla griglia con confettura di carote. «Mangiare senza posate crea un' atmosfera più conviviale», spiega Tila, cresciuto a Hollywood. «Ci riporta all' infanzia e sembra rallegrare l' atmosfera della stanza». Un riflesso di questa idea si è fatto strada persino alla Casa B i a n c a . Q u a n d o l o c h e f newyorchese Marcus Samuelsson ha preparato il pranzo ufficiale in occasione della visita del primo ministro indiano, nel 2009, ha introdotto una portata a base di pane naan e pane di granturco con intingoli (una pietanza insolita in questo tipo di occasioni). «Che cosa c' è di meglio per gente che non si conosce, proveniente da tutto il mondo, che spezzare insieme il pane?» osserva. In effetti, Samuelsson pensa che via via che la cucina raffinata americana evolverà, le posate diventeranno sempre più facoltative. «Ci saranno ristoranti a quattro stelle nei quali si useranno forchette e coltelli, ma non per tutte le portate», dice. «"Grande" non deve significare un' unica narrativa, quella europea». ©The New York Times La Repubblica 

E proprio vero,mangiare con le mani,ragazze mie evoca emozioni profonde risvegliando dentro di noi qualcosa di dolce e carezzevole.
La nuova tendenza e il FINGER FOOD,e non ci crederete ma girovagando nel internet ho trovato anche i finger dip che non sono niente altro che preservativi per le dita.Cosi potete assaggiare tanti stuzzichini senza dovervi trovare le dita oleose e piene di briciole.Fortissimi,vero?


finger dip di Studio Amebe

Quando Atmosfera Italiana ha indetto il suo nuovo contest dei finger food ho voluto tantissimo partecipare.
La ricetta di oggi e un altra mia proposta di finger food che sa tanto della mia terra,la Sicilia,per la presenza del pesto agli agrumi e di uno dei pesci che adoro in assoluto,la ricciola:




Per il pesto:

  • la buccia grattugiata di un arancia
  • la buccia grattugiata di un limone
  • 35 g di mandorle Life
  • 35 g di pistacchi di Bronte
  • 1 cucchiaio di capperi sotto aceto(non sotto sale)
  • 50 g di pecorino grattugiato
  • 1 mazzetto di finocchietto selvatico
  • basilico fresco,3-4 foglie
  • 100 g di olio extra vergine di oliva Dante
Per la pasta:

  • 300 g di ricciola
  • 1 spicchio di aglio
  • 30 g di olio extra vergine di oliva Dante
  • 30 g di succo di limone Polenghi 
  • sale e pepe q.b. Tec-Al
  • 1 uovo
  • 320 g di spaghettine integrali Benedetto Cavalieri

-Nel mixer mettete le bucce di arancia e limone con le mandorle e i pistacchi e tritate.
-Aggiungete il finocchietto,il basilico e i capperi e tritate ancora.
-Unite il pecorino e tritate ancora.
-Aggiungete l'olio di oliva e amalgamate bene.
-In una padella anti aderente Illa mettete a soffriggere nel olio lo spicchio d'aglio.Aggiungete il pesce tagliato a cubetti e cucinate per 5 minuti,coperto.
-Unite il succo del limone,sale e un po' di pepe e cucinate il pesce per altri 5 minuti.
-Cuocete la pasta in abbondante acqua salata,scolatela e conditela con l'uovo, il pesto di agrumi  e il pesce.
-In una forma di muffin oleata mettete la pasta formando tanti nidi e infornate a 180° per 6 minuti.




-Sfornate e condite al centro con il pesto e il pesce.
-Decorate con ciuffi di  finocchietto selvatico.



ciotoline finger food Atmosfera italiana

Questa ricetta partecipa al contest di Atmosfera Italiana in collaborazione con la pasta integrale Benedetto Cavalieri -Ricette estive leggere



Voglio approfittare di questo post per ringraziare Radici di zenzero e Squisito per avermi donato questo bellissimo premio CUTIE PIE,mi fa tanto piacere,grazie ragazze.
Le regole sono:
-Nominare chi ha creato il premio:La creatività di Anna
-Citare da chi lo abbiamo ricevuto:Squisito e Radici di zenzero
-Descrivere 3 cose belle del vostro blog:qui lascio parlare voi,dico solo una cosa sulla mia persona:da buon Scorpione sono una persona sincera e dedicata agli amici,ma guai chi sbaglia con me,cancellato dalla mia vita(per me e un pregio).
-donarlo ad altri 10 blogger:qui io mi prendo la libertà di donarlo a tutte voi che passate ogni giorno e mi fate compagna.A voi dico grazie di cuore ragazze(i).






61 commenti :

  1. Un finger assolutamente delizioso, un'introduzione interessantissima e...non ci credo, che invenzione stranaaa!! :D Fortissima! Un bacione grande!

    RispondiElimina
  2. ... a me piace quello verde con la scritta!!!!
    Il tuo piatto è uno spettacolo, in bocca al lupo per il contest.
    Un bacione e buon lunedì!

    RispondiElimina
  3. La tua idea è bellissima :)

    RispondiElimina
  4. Ma pensa te ..non male questi finger dip !
    Sono davvero deliziosi i tuoi nidi e sicuramente buoni...brava!
    buona settimana ..ciao!

    RispondiElimina
  5. Interessanti questi finger dip!!! Quanto sono buoni i tuoi nidi e poi presentati benissimo. Complimenti per il premio e auguri per il contest.

    RispondiElimina
  6. ciao cara sono vendy e sono una tua nuova follower...spero ricambierai...
    certo che vedere questo post a quest'ora...l'acquolina in bocca è assicurata... :D
    adoro la finger food mania...e i preservativi per dita sono originalissimi XD
    vendy

    RispondiElimina
  7. Tina tesoro hai fatto una ricetta straordinaria, mi piace davvero tanto!! ed anche se quei preservativi per le dita mi fanno un pò impressione riconosco che sono utili ma preferisco sporcarmi le mani (sopratutto con la carne rustuta)!
    buona fortuna per il contest mia cara!
    bacionii

    RispondiElimina
  8. senza parole... stupendi questi nidi.. delicati e perfetti!

    RispondiElimina
  9. Ti auguro un buon inizio di settimana.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  10. Che belli qs nidi!! Anche a me piace l'abbinata agrumi e pesce!

    RispondiElimina
  11. un piatto molto fashion brava come sempre!

    RispondiElimina
  12. è un piatto davvero bellissimo !!!! :) molto molto chic !!!! deve essere anche molto buono!! complimenti :)!!

    RispondiElimina
  13. A parte la bontà della ricetta, ma vogliamo parlare dei preservativi per le dita? Mi sono fatta qualche bella rista a leggerti. Ciao Tina, sei fortissima

    RispondiElimina
  14. NOOOOOOO...grandissimi finger dip!!!
    Ma lo sai che le designer che li hanno progettati sono mie amiche?
    Erano all'università con me e una delle due era in classe con me anche al liceo!!! Com'è piccolo il mondo...
    Sono molto brave e provocatoriamente molto stimolanti con i loro progetti :)

    RispondiElimina
  15. Anzi...se non ti dispiace aggiungo il link al loro sito, visto che sono le artefici dei Finger-dip ^_^

    Studio AMeBE
    http://www.studioamebe.com

    RispondiElimina
  16. ecco,senza conoscerle di persona li adoro già..mi piacerebbe un giorno incontrarle:)

    RispondiElimina
  17. interessante come piatto!
    Bella la foto!invitante

    RispondiElimina
  18. le dita rivestite mi fanno un po' ridere ma ammetto che potrebbero anche essere utili! :-D
    la tua ricetta, invece, mi piace moltissimo, molto sfiziosa e invitante!!!

    RispondiElimina
  19. Una ricetta molto raffinata con una bellissima presentazione (come sempre direi!!!).
    Devo confessare che finger dip non mi piacciono molto... E poi io amo "leccarmi le dita", non è molto eleganti ma se si mangi con gusto :-P
    Baci

    RispondiElimina
  20. Tina questi nidi di pasta sono appetitosi al massimo e la tua introduzione è interessantissima. I preservativi per dita, un pò aberranti a mio parere...Cmq complimenti per la ricetta e in bocca al lupo per il contest...partecipo anch'io...un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Ma quanto ne pensano, no sanno più cosa inventare, bella l'idea! Molto chic e gustosi questi nidi di pasta, brava!Ciao

    RispondiElimina
  22. Un plato elegante y delicado, con una presentación bellisima.

    besos

    RispondiElimina
  23. Tinaaaaaaaaaaaaaaaa, ho visto questi nidi su fb. Stavo svenendo sulla tastiera. Mi piacissimo. Me li segno che li voglio fare assolutamente. Non so se troverò la ricciola qui, però :( Con che pesce mi consigli di sostituirla?

    RispondiElimina
  24. Piatto bellissimo e buonissimo. i finger dip invece li trovo simpatici e provocatori ma non li userei mai, io preferisco leccarmi le dita eventualmente!!!:-D
    ciao

    RispondiElimina
  25. Cara Tina, che dire, grazie per avermi trovata! Davvero, hai un blog fantastico nel quale c'e' cosi' tanto da scoprire che non so da dove cominciare! Intanto, comincio da questi nidi di pasta, cosi' originali, a me non sarebbe mai venuto in mente di cuocere la pasta nello stampo da muffins. L'idea mi piace tantissimo. Complimenti ancora ed alla prossima :)

    RispondiElimina
  26. Che ricetta meravigliosa... mangiare con le mani è davvero un'altra cosa, le posate ormai sono superate :P

    RispondiElimina
  27. Ma che ideona raffinata...complimentiii

    RispondiElimina
  28. Che so belli mica riuscivoa capire come fae i nidi di pasta!! bravissima hahaha preferisco la dita che quelli hahaha che ridere!!
    Baciotti

    RispondiElimina
  29. Che belli.. e chissà che buoni!! Complimenti, ottima idea :-)

    RispondiElimina
  30. Che delizia,ho appena finito di cenare,ma questi li assaggerei molto volentieri!!;D
    Un bacione!!
    Sabry!!

    RispondiElimina
  31. Davvero bellissimi da vedere e immagino anche buoni!!

    RispondiElimina
  32. Eccomi come promesso ho fatto un salto nella tua cucina.Complimenti hai un bellissimo blog !

    RispondiElimina
  33. che dire.. splendidi questi finger food, invogliano davvero all'assaggio!!! interessante tutto il post e questi salva dita sono troppo forti.. mai visti!!! un bacione

    RispondiElimina
  34. Io non riesco proprio a mangiare con le mani. Mi danno fastidio le dita tutte sporche. Però, ammetto che io sono un caso irrecuperabile visto che non riesco a mangiare con le mani neanche la coscia del pollo!
    Hai presentato questa pasta in modo divino!! Davvero splendida!

    RispondiElimina
  35. Non riescoa angiare con le mani.
    In alcune occasioni, per il pollo ad es. devo andare subito a lavarmi le mani, mi da fortemente fastidio sentirmi le dita oliate.

    RispondiElimina
  36. Ma che forte questo post, adatto ad introdurre la tua bellissima ricetta e la stupenda presentazione di questa pasta ricca di aromi e profumi della tua terra! Stupenda! Brava!!!

    RispondiElimina
  37. Tantissimi complimenti......una ricetta meravigliosa!!!!

    RispondiElimina
  38. certo dipende anche da cosa ma è vero che a mangiare con le mani c'è più gusto. C'è il mio compagno che con le mani non toccherebbe nulla e per me vederlo ad esempio mangiare la pizza o i fusi di pollo con coltello e forchetta è una specie di sacrilegio! La tua pasta è favolosa. La presentazione mi piace un sacco e quel pesto agrumato dev'essere paradisiaco. Complimenti e in bocca la lupo, un bacione

    RispondiElimina
  39. Splendidi!!! Sia i nidi di pasta che il post! Bravissima!!!!
    Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
  40. fortissimi i finger dip, la tua pasta è squisita, invoglia proprio all'assaggio, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  41. complimenti, una ricetta favolosa!! Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  42. La proposta è favolosa e persino io, che non amo mangiare con le mani (anche se i preservativi da dita... che bella idea... potrebbero aiutarmi) credo che sgranocchierei volentieri questi cestini croccanti!

    RispondiElimina
  43. Semplicemente meravigliosi!!!! Complimenti per la gustosa e originale proposta!!! Baci e buona giornata

    RispondiElimina
  44. Questo fingerfood ha un faccino invitante :-)

    Brava!

    A presto!

    Lucy :-)

    RispondiElimina
  45. Certe cose vanno necessariamente mangiate con le mani, anche se non è proprio piacevolissimo!!! :)
    Non amo l'unto!!!
    I tuoi nidi di pasta sono meravigliosamente invitanti!!! Bravissima!!!!
    Un bacione grande!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  46. In bocca al lupo per il contest, sono sicura che tu abbia le carte in regola per farcela!! Ma che buffi i finger dip!!! Però buona idea!!

    RispondiElimina
  47. Ottimi quei preservativi per le dita,odio imbrattarmi le mani...Ma questi nidi vanno assaporati senza posate,li trovo deliziosi con degli abbinamenti azzeccatissimi!!Bravissima come sempre cara Tina!!

    RispondiElimina
  48. Complimenti Tina, uno spettacolo solo a vederlo, figuriamoci sotto il palato.
    Questi sono da vittoria.
    A Presto

    RispondiElimina
  49. Ma sono spettacolari Tina!!
    E che bella presentazione!!!
    Un bacione Carmen

    RispondiElimina
  50. La tua ricetta è gustosa!Bellissime anche le foto di presentazione!
    e per quanto riguarda i preservativi per le mani?
    ma quante cose inventano? ; )

    RispondiElimina
  51. fantastici questi nidi!!! una bellissima ricetta presentata alla grande!! Troppo buffi quei copridita ^_^

    RispondiElimina
  52. excellente idée ces nids, j'aime beaucoup
    bonne journée

    RispondiElimina
  53. Mamma mia quante cose buone!!!! sei bravissima, grazie per la visita baci lu..

    RispondiElimina
  54. Veramente carini questi nidi e molto invitanti. Sembra di sentire in bocca la croccantezza!

    RispondiElimina
  55. Scusa per il ritardo con cui passo da te, ma una volta a casa non sto quasi più al pc.
    Bellissima ricetta e presentazione,chissà che buona....
    Grazie di essere passata da me.
    Kiss

    RispondiElimina

Be nice, the world is a small town ;)